miart 2019

miart 2019

5-7 aprile 2019

Senza titolo, 1954, olio su tela, 208 x 730 cm

PAD 3 Stand B33

Presentata in anteprima in occasione di miart 2019, questa straordinatoria tela dalle dimensioni imponenti è considerata tra i capolavori di Iaroslav Serpan.

Opera rara per la sua monumentalità, è caratterizzata da tratti pittorici di colore nero, elemento distintivo dei dipinti di questo periodo. Distribuiti in maniera fluida sull’intera superficie della tela, questi “insiemi” segnici rappresentano la struttura del linguaggio di Serpan ed evidenzia il suo approccio gestuale alla creazione artistica.

L’opera apparteneva alla collezione privata dell’architetto Luigi Moretti, personaggio fondamentale per la diffusione dell’art autre in Italia. Moretti e Tapié erano entrati in contatto nel 1951 in occasione della mostra Véhémences confrontées, organizzata dal critico francese alla Galerie Nina Dausset di Parigi. Da questo incontro inizierà un sodalizio che porterà Moretti all’apertura nel 1954 della galleria Spazio a Roma e, successivamente, nel 1960, a partecipare all’appassionante esperienza dell’International Center of Aesthetic Research di Torino. Proprio alla galleria Spazio, Tapié organizza nel 1955 una personale di Serpan. Da una ricerca d’archivio, è emersa una fotografia storica dell’epoca che ritrae Serpan e Tapié di fronte a questo dipinto. La storia, la rinomata provenienza, unite alla potenza lirica del quadro, non solo sono la testimonianza del genio creativo di Serpan, ma sono rappresentative dello straordinario fermento culturale scaturito dal pensiero di Michel Tapié.